30.12.11

19.12.11 10.47
Nikon D3000
ISO200-18mm-f6.3-1/25
9.2.2012 20:04
ISO 200 - 46mm - f/5.3 - 20sec









ISO 200 - 50mm - f/14 - 1/160

ISO 200 - 46mm - f/9 - 1/400


ISO 200 - 35mm - f/4.5 - 1/320

esercitazione sulla messa a fuoco


  • tentativi con la messa a fuocoe profondità di campo, esterno

messa a fuoco su primo piano con diaframma aperto
F 5.0-42mm-ISO 200-1/160sec

Con il diaframma aperto l primo piano è messo a fuoco mentre lo sfondo è molto sfocato ( si può utilizzare questo metodo se si vuole isolare il soggetto messo a fuoco dal resto dell'immagine, come ad esempio nei ritratti).

messa a fuoco su sfondo con diaframma aperto
F 5.0-42mm-ISO 200-1/200sec

Ciò che c'è in primo piano è completamente sfocato perchè  il fuoco è posto sulla casa in sfondo.

messa a fuoco su sfondo con diaframma chiuso
F 10-38mm-ISO 200-1/80sec

Se invece si ha abbastanza luce per poter utilizzare il diaframma più chiuso, si noterà come nonostante sia stato messo a fuoco lo sfondo, gli oggetti in primo piano risultano un pò meno sfocati rispetto all'immagine precedente.

messa a fuoco su primo piano con diaframma chiuso
F 10-38mm-ISO 200-1/80sec

messa a fuoco su primo piano con grandangolo, diaframma chiuso
F 10-18mm-ISO 200-1/80sec
 Utilizzando un grandangolare sfondo e primo piano sono messi a fuoco in ugual modo.




  • tentativi con la messa a fuoco e profondità di campo, interno

messa a fuoco su primo piano con diaframma aperto
F 3.8-24mm-ISO 200-1/5sec
messa a fuoco su sfondo con diaframma aperto
F 3.8-24mm-ISO 200-1/5sec
messa a fuoco su primo piano con diaframma chiuso
F 5.0-24mm-ISO 200-1/4sec
messa a fuoco su sfondo con diaframma chiuso
F 6.3-24mm-ISO 200-1/5sec


esercitazione Lightroom

sviluppo con Lightroom
Nikon D3000 ISO 200 - 18mm - f/3.5 - 5sec


sviluppo con lightroom
Nikon D3000 ISO 200 - 24mm - f/3.8 - 1/200


sviluppo con Lightroom
Nikon D3000 ISO 200 - 38mm - f/4.8 - 1/60




Sviluppo con Adobe Lightroom



Canon Powershot 7.9mm  f/8.0  1/500sec



06.05.2011


Canon PwerShot A640 7.3mm - f/4 - 1/250sec


ISO 200 - 55mm - f/5.6 - 1/250sec

way home (fog)

underground, 30.11.11
Nikon D3000 ISO 200  26mm  f/4.5  1/4

30.11.11
Nikon D3000 ISO 200  55mm  f/5.6  1/2

driver 30.11.11
Nikon D3000 ISO 200 19mm  f/3.5  1/4


e
 30.11.11
Nikon D3000 ISO 1600  55mm  f/5.6  1/2

Frank Horvat




Nella sua maturità, il fotografo francese Frank Horvat sviluppa una ricerca che ho trovato molto interessante; ad ogni giorno della settimana fa corrispondere un'immagine fotografica, con l'obiettivo di realizzare, tra l'1 gennaio e il 31 dicembre una fotografia significativa per ogni giorno. Questo processo obbliga il soggetto a mantenere un'attenzione e una curiosità costante su ciò che lo circonda, compresi gli elementi e i gesti più banali della quotidianità: 

"je me suis obligé à rester continuellement attentif à ce qui m'entoure et à m'interroger sur le sens de chaque geste et de chaque objet".


Mardi 19 janvier. Boulogne-Billancourt, 
FranceHôpital Ambroise Paré, autoportrait avant check up



Venezia 21.11.2011
Nikon D3000 Zoom Nikkok 18-55mm f/3.5-5.6
ISO 200  46mm  f/3.5  1/250
Venezia 21.11.2011
Nikon D3000 ISO 200  55mm  f/5.6  1/160
Stefania 21.11.2011
Nikon D3000 ISO 200  42mm  f/5  1/50
Venezia 21.11.2011
Nikon D3000
 ISO 200  42mm  f/6.3  1/25



Venezia 21.11.2011
Nikon D3000 Zoom Nikkok 18-55mm f/3.5-5.6
ISO 200  38mm  f/4.8  1/250
Nikon D3000
Venezia 21.11.2011
ISO 200  46mm  f/5.6  1/100




Nikon D3000
leaving 25.4.2011


Caorle 23.4.2011
Nikon D3000  ISO 100  55mm  f/6.3  1/320
Caorle 23.4.2011
Nikon D3000  ISO 125  31mm  f/10  1/250
Caorle 23.4.2011
Nikon D3000 ISO 400  55mm  f/5.6  1/500
Caorle 23.4.2011
Nikon D3000 ISO 400  48mm  f/5.3  1/1250
                                                                                  
 Nikon D3000 ISO 100  31mm   f 4.5/   1/30
22.4.2011
                                                                                                   







fotografi di paesaggio a confronto





Ansel Adams 








Franco Fontana





Joel Meyerowitz






Ciò che si nota subito osservando le fotografie di questi tre autori è la notevole differenza cromatica: Ansel Adams è da molti ritenuto il "mago del bianconero", Franco Fontana è famoso per i suoi colori accesi e quasi pittorici, si potrebbe dire un pò "POP", mentre Joel Meyerowitz utilizza colori tenui e delicati come si può vedere nelle fotografie sovrastanti.


Ansel Adams è in grado di gestire maestralmente l'equilibrio delle varie tonalità di grigi e neri, tanto che 
è stato teorico del cosidetto Sistema Zonale, che è una supposizione tecnica finalizzata alla controllata trascrizione in bianconero della realtà. 


Franco Fontana è un maestro nel colore; pubblico in merito un'intervista pubblicata dalla Nathional Geographic che ritengo molto interessante per comprendere sia la persona che il metodo e ciò che c'è dietro alle fotografie dell'artista -> intervista a Franco Fontana